“In questi giorni, sulla mini-bonifica di via Murat, ho letto dichiarazioni imprecise. Credo sia giunto il momento di fare chiarezza, soprattutto per la corretta informazione che si deve ai cittadini”. Così Alfonso Malacario (in foto), presidente della ‘Prima vera srl’, la società soggetta a direzione e controllo di Palazzo Criscuolo e che gestisce, per conto del Comune, l’intero servizio di igiene urbana a Torre Annunziata. Il riferimento di Malacario è preciso: relativo al dubbio sui presunti costi eccessivi dell’operazione paventato, in un articolo pubblicato da “LoStrillone” (vedi link in basso), da Luciano Donadio, coordinatore del Movimento civico “Insieme per Torre”. Donadio, nei giorni scorsi, aveva infatti così dichiarato su via Murat: “Mi pare che il costo totale si aggiri intorno ai 34mila euro. Forse una spesa eccessiva per raccogliere solo erba e rifiuti”.

LA SMENTITA Secca la replica del numero uno di ‘Prima vera’: “La mini-bonifica – così oggi Malacario – è stata svolta in totale economia, sfruttando fondi già in cassa della nostra società che, dunque, non ha gravato di alcuna spesa aggiuntiva il Comune di Torre Annunziata. Non occorreva alcun appalto, data la procedura di somma urgenza, e la pulizia è stata affidata ad una ditta che lavora con noi da tempo (la Vivai Barretta Garden srl) per un importo complessivo di circa 4mila euro. Inoltre – prosegue Malacario – non è vero, così come paventato invece dal signor Donadio, che alla bonifica abbiano lavorato due soli operai. Pure queste sono frasi prive di ogni fondamento”.

Pulizia affidata alla 'Barretta Garden', dunque. La 'Prima vera', invece, si è occupata di smaltire i rifiuti raccolti dagli operai della ditta esterna. “Il tutto, sempre e solo per 4mila euro”. Al riguardo, Malacario non ammette “alcuna imprecisione”: “Dispiace leggere commenti diversi – conclude – soprattutto in un momento così delicato per le forti tensioni sociali che attraversano la nostra città. Continuando così, credo non si faccia il bene di Torre Annunziata”.

La risposta

I lavori