E' stato un lungo e acceso dibattito quello che è avvenuto oggi nei pressi del lido Mappatella a Torre Annunziata. Il moderatore Antonello Sannino ha presentato l'evento denominato "Mare Bene Comune".

Abbastanza buona è stata la risposta da parte dei cittadini, che hanno avuto modo di esporre le loro problematiche a Bruno Orrico, assessore all'ambiente. Lo scambio di opionini è stato in qualche caso acceso, ma sempre nei limiti della correttezza.

I ritardi nell'organizzazione da parte dell'Ente, la possibilità di perdere un bene pubblico e il rischio di un sovraffollamento sono stati i punti cruciali sui quali è andato avanti il dibattito.

L'esponente dell'Amministrazione ha ribadito ancora una volta i suoi concetti. "La discesa sarà libera, ma l'accesso sarà consentito a un numero massimo di persone per ragioni sanitarie dovute all'emergenza Covid-19. Ribadisco che rimarrà pubblico il 25% della spiaggia che comprende il Mappatella e la zona di capo Oncino. Speriamo di poter fare anche una manifestazione di interesse per la zona delle Sette Scogliere, che attualmente è ancora sotto sequestro. La nostra intenzione è anche quella di organizzare degli eventi nella parte che non sarà gestita da privati. Purtroppo il Comune, anche a causa dei tanti pensionamenti, non ha la forza di fronteggiare da solo tutti i problemi di Torre Annunziata".

Antonello Sannino, segretario dell'Osservatorio per la Legalità, ha anche annunciato che a breve sarà creato un Comitato proprio per la salvaguardia delle spiagge libere.

vai alle foto