“Qui da mesi non vediamo un sindacato, la nuova sede di via Margherita di Savoia non è a norma, e durante il trasloco le udienze penali si terranno regolarmente. Tutto questo è assurdo”.  A Torre Annunziata esplode oggi fragorosa la protesta di inservienti, cancellieri ed addetti ai lavori, negli attuali e minuscoli uffici dei giudici di pace in via Vittorio Veneto.

Eppure la notizia tanto attesa dagli avvocati del Circondario (alla sede oplontina sono ora accorpate anche Castellammare di Stabia, Gragnano, Pompei e Torre del Greco, con soli 24 magistrati in servizio per 3 sezioni civili e 2 penali) arriva: il trasloco finalmente si farà, “dal 2 novembre al giorno 11 e per fasi successive”. Ad annunciarlo è l’ultimo decreto (il numero 4/15) firmato dal Coordinatore dei lavori, Celeste Giliberti, e dal Presidente del Tribunale di Torre Annunziata Oscar Bobbio.

Lavori affidati dal Comune per 14mila euro alla “Nuova Campania Traslochi S.r.l.”, ditta che da lunedì prossimo, e per almeno 3 giorni, provvederà all’imballaggio di una prima parte di faldoni, mobili e scartoffie da trasferire, per adesso solo al secondo piano (in fase di pulizia ad opera della Partecipata 'Prima Vera', ndr) dei nuovi uffici dei giudici di pace in città (nel plesso degli ex Salesiani, prima sede del Tribunale civile).

Ed allora? La protesta dei dipendenti? Monta perché, nelle “pieghe” del decreto, a chiare lettere si scrive che “durante il trasloco sono sospese le attività sia della Cancelleria penale che di quella civile. Le sole udienze civili non saranno trattate mentre – continua al punto uno il provvedimento sotto accusa – quelle penali saranno regolarmente celebrate nella sede attuale”.

“Una situazione assurda – replicano oggi in molti tra gli addetti ai lavori di via Vittorio Veneto – perché i processi continueranno a trattarsi nel caos più totale, con un trasloco in atto e senza dare ai dipendenti lo spazio, i tempi e i modi giusti per affrontare 9 giorni di straordinaria emergenza. Senza contare – concludono – che la nuova sede non è ancora sicura per chi dovrà lavorarci ogni giorno”.  


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"