“Preoccupati dalle scelte di dubbia efficacia e di polemiche sterili all’interno dell’Asl Napoli 3 Sud sul futuro degli ospedali dell’area boschese e torrese”. Il commissario cittadino del Partito Democratico di Torre Annunziata Paolo Persico ha commentato così gli ultimi sviluppi sul caso dell’ex ospedale civile e sul covid hospital di Boscotrecase.

Due presidi che rischiano di essere al centro di una polemica che può andare a tutto svantaggio della popolazione, che sta assistendo inerme a disagi e sconcerto.

“Stanno prevalendo, da più versanti, logiche burocratiche e corporative – ha continuato Persico -. Bisogna agire, invece, per tutelare l'interesse dei cittadini e delle comunità. Per quanto sia giusta l’autonomia degli organi amministrativi e delle parti sociali, va sempre ricordato che la missione di fondo dell'organizzazione sanitaria è quella della prevenzione e della cura, in primo luogo delle fasce più deboli, sulla base anche di un principio di prossimità: questo compito e questa responsabilità appartengono alle istituzioni competenti. E', allora, indispensabile una discussione, a cui seguano scelte coerenti, in primo luogo sul futuro dell'Ospedale di Boscotrecase ma anche sulla riorganizzazione delle strutture territoriali e delle opportunità che lo sblocco delle assunzioni e degli investimenti nella sanità campana possono garantire in tempi brevi”.

Tutto questo, però, senza perdere di vista la necessaria continuità nelle azioni per combattere la pandemia   evitando di causare ulteriori disagi ai cittadini già provati da questa lunga battaglia per la tutela della salute. Ecco perché il Pd di Torre Annunziata ha promosso per mercoledì 18 agosto alle ore 18.30 presso la sede di corso Vittorio Emanuele III, un incontro per definire, attraverso il necessario ascolto di associazioni e forze sociali, proposte adeguate alla gravità della situazione. “Procederemo a impegnare le nostre rappresentanze istituzionali – ha concluso Persico - affinché la Regione Campania determini un indirizzo politico positivo, chiaro e puntuale, circa la programmazione sanitaria nel territorio di Torre Annunziata e del comprensorio boschese”.

il rischio

la solidarietà

Il caso