“Prendiamo le distanze da questo silenzio e ci sospendiamo dal partito fino al commissariamento del Circolo Locale del Partito Democratico”.

Ancora uno smottamento all’interno del Pd di Torre Annunziata: con una nota stampa il sindaco Vincenzo Ascione, gli assessori Luigi Ammendola e Roberta Ramondo, e i consiglieri comunali Giuseppe Raiola, Giovanna Cirillo, Francesco Colletto, Jessica Lucibelli e Massimo Papa hanno comunicato la loro decisione di autosospendersi dal partito.

Una decisione maturata a seguito dell’elezione di Francesco Savarese in qualità di segretario cittadino e di 14 componenti del direttivo (Anna Macera, Luigi Carillo, Isabella Manzo, Luigi Monaco, Maura Marano, Agostino Popolo, Rosaria D'Urzo, Angelo Macera, Annamaria Mosca, Massimo Manna, Giovanna Forbito, Salvatore Avvisato, Lidia Ferraiuolo, Corrado Manzo). Oltre a questo, il caos dei presunti falsi tesseramenti, sui quali gli organismi provinciali si sono già espressi sgonfiando il caso.

“Nessuno – hanno sottolineato gli esponenti del PD – ha sentito la necessità di ascoltarci, viste le prove testimoniali e documentali. Eppure non si chiedeva di bloccare il Congresso, né di commissariare il partito, bensì solo di sospendere le 57 iscrizioni fatte in modo anomalo, fuori dalla sede di partito senza la verifica dell’autenticità delle sottoscrizioni, in vista delle votazioni di domenica 1 dicembre. Alla luce di quanto accaduto e dell’imbarazzante silenzio degli organismi di partito sovracomunali, noi prendiamo le distanze dagli organismi locali appena eletti, non riconoscendo la loro rappresentanza. Nel mentre, sospendono la loro attività dal partito fino a quando non saranno chiariti gli aspetti di questa brutta e triste vicenda, con decisioni che mirino a ripristinare la legalità attraverso il commissariamento del Circolo locale”.

l'intervista

la nomina

caos pd

le assenze

Bufera nel Pd