“Ecco il mio Lido Santa Lucia”. Anna Cipriano, studentessa 22enne di Torre Annunziata, ha deciso di dedicare la sua tesi per la laurea triennale in Scienze dell’Architettura al restyling dello storico stabilimento balneare oplontino, ormai abbandonato da decenni.

L’IDEA. Tutto è partito da un colloquio con Gianluigi Freda, professore di progettazione architettonica alla Federico II di Napoli. “E’ stato lui a darmi l’idea di lavorare su una struttura in disuso nel mio territorio – ha dichiarato la giovane studentessa- Ho svolto successivamente delle ricerche e ho trovato nel Santa Lucia un luogo interessante sul quale potermi dedicare. Questo lavoro è stato di grande responsabilità e devo dire che mi sono anche divertita a ridisegnare un lido che ha significato tanto per le generazioni passate”.

LA NUOVA STRUTTURA. Il Santa Lucia pensato da Anna Cipriano è ovviamente moderno e multifunzionale. Il progettè diviso su tre piani. Il primo, a livello della battigia, nel quale è stata ridisegnata la terrazza con tavolini, il bar e il ristorante. Il secondo, a livello della strada, prevede un centro benessere, con una parte dedicata allo shop. Il terzo a livello piscina è quello di sicuro più affascinante. La grande vasca è stata pensata come un acquario con vetrate trasparenti ai bordi. Un’immagine tridimensionale che darebbe allo stabilimento di Torre Annunziata un’immagine davvero sensazionale.

La tesi sul Santa Lucia è valsa un bel 102 a Anna Cipriano, che sembra avere davvero un futuro roseo dinanzi a sé.

vai alle foto