Il sindaco di Torre Annunziata, Giosuè Starita, ha incassato il via libera dal consiglio comunale sull’ultimo bilancio della sua era, quello 2017-19. Presenti in aula solo in 14 su 25, i consiglieri hanno dato l’ok alla manovra messa a punto dall’assessore al bilancio Luigi Carillo e dal ragioniere capo dell’Ente, Nunzio Ariano. Tra le novità più significative c’è, sicuramente, la riduzione della Tari, la tassa sui rifiuti solidi urbani, di almeno il 5 per cento rispetto all’anno precedente, con punte di diminuzione fino al 10 per cento.

Operazione resa possibile, secondo lo stesso Ariano, “grazie alla lotta all’evasione e all’elusione messa in campo dall’amministrazione in questi anni”. Sulla stessa linea il responsabile del bilancio che ha parlato di “quattro direttrici cardine del governo cittadino: il mare, l’archeologia, il turismo ed il risanamento urbano. In questa ottica vanno letti i lavori alla rete fognaria, che permetteranno di avere un mare sempre più balneabile, l’imminente apertura di Villa Parnaso e – ha concluso Carillo – il rifacimento del waterfront e delle arcate borboniche con i fondi Jessica”.

Coro di critiche, infine, per l’assenza di quasi tutta l’opposizione dall’aula, fatta eccezione per il consigliere Bruno Avitabile che ha votato “sì” al bilancio.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"