Ascione non si dimette. Anzi rilancia. Dopo l’addio polemico di Lorenzo Diana, il primo cittadino di Torre Annunziata ha deciso di non inserire altri nomi nuovi all’interno della Giunta.

Il sindaco ha così optato per la nomina a suo vice a Raffaele Pignataro, al quale vengono così affidate tutte le deleghe che erano dell’ex parlamentare (Gestione dei Beni Confiscati, Legalità e Sicurezza, Trasparenza e Procedimenti Anticorruzione”.

Pignataro è entrato all’interno della squadra di governo durante il secondo rimpasto ed è stato uno dei confermati anche nel corso del terremoto politico avvenuto a dicembre dopo l’arresto di Nunzio Ariano e quello successivo dell'ex vicesindaco Luigi Ammendola.

Questa decisione fa emergere l’intenzione di andare avanti nel suo mandato da parte di Ascione, nonostante la richiesta di dimissioni da parte del Pd provinciale.