Torre Annunziata si allinea alla zona arancione. Misure meno restrittive in arrivo per i commercianti oplontini. La decisione è stata presa dopo l’incontro che si è tenuto questa mattina, durante la riunione della Settima Commissione Consiliare, tra la presidentessa Germaine Popolo, il sindaco Vincenzo Ascione e il referente di Confcommercio Giuseppe Manto.

A breve il primo cittadino emanerà una nuova ordinanza. La vecchia prevedeva la chiusura alle 18 delle attività non necessarie. “E’ chiaro che l’entrata della Regione Campania in zona arancione ha fatto sì che potessimo rimodulare la nostra ordinanza".

Un passo di speranza per Torre Annunziata, dopo settimane difficili. “I dati degli ultimi giorni sono incoraggianti –ha aggiunto Ascione- I guariti sono più dei contagiati e anche la campagna di vaccinazione per il personale scolastico sta andando avanti. L'auspicio è che entro il 2 marzo si possano ridurre sempre più le azioni restrittive”.

Soddisfatta anche Germaine Popolo, che presiede la Settima Commissione. “E' stata accolta la nostra richiesta di uniformare le decisioni per tutti i negozi. Abbiamo evidenziato che senza misure di controllo efficaci la vecchia ordinanza era inutile. La discussione è stata proficua. Non potevano essere sacrificate ancora alcune categorie di commercianti, che con le loro attività non creavano nemmeno assembramenti. Ci siamo uniformati al Dpcm nazionale, ma è necessaria la massima attenzione. Aspettiamo misure graduali, ma sempre in sicurezza, anche per le scuole”.

Sulla stessa linea d’onda Giuseppe Manto di Confcommercio. “E’ stata una riunione pacifica che ha trovato tutti d’accordo. Abbiamo solo sottolineato che sarà necessaria una verifica anche con i comuni limitrofi, per far rispettare le regole. Il sindaco ci ha garantito massima collaborazione”.