Cambio della guardia alla Capitaneria di Porto di Torre Annunziata. Al comando subentra Alessandra Vaudo, al suo primo incarico nell’ufficio circondariale marittimo. La cerimonia ufficiale del passaggio di consegne tra il Tenente di Vascello Luca Reale uscente e il nuovo Comandante Vaudo si è svolta questa mattina presso il Molo Crocelle. A presenziare alla cerimonia il Comandante Sardella, il personale militare, la Commissione Prefettizia, i Sindaci di alcuni comuni dell’area vesuviana e le rappresentanze religiose locali.

Durante il discorso che ha sigillato il suo ingresso al comando Il Tenente di Vascello Vaudo, giunta da Trieste a Torre Annunziata, rivolgendosi direttamente alle Rappresentanze Istituzionali presenti, ha specificato più volte di avere accolto positivamente l'incarico e di volere lavorare sinergicamente con le forze presenti sul territorio per continuare a seguire la linea vincente del Comandante Reale.
“Sono emozionata per la rilevanza del mandato che mi è stato affidato e sono pronta a collaborare con le rappresentanze politiche e con i cittadini per fare ciò che è meglio per il territorio. Ho accolto questo incarico con grande onore perché quella di Torre Annunziata è una realtà importante. Qui c’è il terzo porto della Campania sfruttato soltanto al 30% e con notevoli possibilità di sviluppo. C’è tanta voglia di fare bene e sicuramente il mio impegno non mancherà sul territorio.”

Il Comandante uscente Luca Reale, al comando della Capitaneria di Porto di Torre Annunziata dal 2020, andrà a ricoprire un altro importante incarico a Porto Torres. Durante la cerimonia militare Reale si è detto soddisfatto per i grandi risultati ottenuti in due anni. Si è confrontato senza pregiudizi con tutte le realtà di Torre Annunziata tentando con forza e determinazione di instaurare un dialogo con la cittadinanza. “Abbiamo lavorato per diffondere la cultura sul territorio con l'obiettivo di insegnare ai giovani che esiste una Torre Annunziata viva, produttiva e legale. Abbiamo ricucito il porto alla città per renderlo nuovamente il centro delle attività. Il porto come Agorà e Anfiteatro, ma tanto ancora si può e deve fare per il territorio”.

A margine della cerimonia militare il comandante Reale ha posto l’accento sulla bellezza di Torre Annunziata, spesso oscurata dalle azioni del malaffare.
“Di Torre Annunziata si parla solo negativamente. Le criticità sono sotto gli occhi di tutti ma bisogna dare spazio a quanto c’è di bello sul territorio. La città è una sfera di argilla mal modellata. Si trascina problemi legati alla malavita che hanno fatto sì che si impoverisse dal punto di vista sociale, ma dal punto di vista culturale vanta ville storiche straordinarie e tesori antichi. Torre Annunziata è ricca di bellezza ed è nostro dovere evidenziarlo”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

vai alle foto

vai al video