Mercoledì 18 novembre iniziano a Napoli le celebrazioni per i cento anni dalla nascita dello scrittore di origini oplontine Michele Prisco.

Nato e cresciuto a Torre Annunziata, si laurea in giurisprudenza e supera anche gli esami di procuratore legale, ma alla carriera di avvocato preferisce quella di giornalista e scrittore. Tra le sue opere ricordiamo “La provincia addormentata”, “Gli eredi del vento” e soprattutto “Figli difficili” dove descrisse la borghesia partenopea, con tutte le sue debolezze e i suoi limiti.

Gli eventi sono stati organizzati dal “Comitato nazionale per il centenario” istituito dalla Direzione Generale Biblioteche e Diritto d’Autore del “MiBACT” presieduto da Carlo Vecce.

A partire dalle ore 9,30 si svolgerà in streaming la giornata di studio “Michele Prisco tra radici e Memoria” organizzata dall’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, d’intesa con il Comitato, il “Centro Studi Michele Prisco” e la Regione Campania. Il tutto tramite piattaforma ZOOM.

Dopo i saluti istituzionali di Rosanna Romano, Roberto Tottoli, Elda Morlicchio, Maria Laudando e Caterina Prisco, la prima sessione del convegno, introdotta dal Presidente del Comitato, si aprirà con le relazioni di Antonio Saccone, Paola Villani e Guido Cappelli. A presiedere la seconda sessione sarà Ermanno Corsi, con gli interventi di Patricia Bianchi, Laura Cannavacciuolo, Margherita De Blasi e Francesco D’Episcopo.

Nel pomeriggio, dalle ore 15,30, dopo i saluti di Annella Prisco, seguiranno altre due sessioni, presiedute da Nino Daniele alle quali parteciperanno Mariolina Rascaglia, Donatella Trotta, Francesca Nencioni, Annalisa Carbone, Silvia Zoppi Garampi, Alessia Pirro, Giuliana Adamo e Gianni Maffei. Alle ore 16,30 sarà presentato il documentario diretto da Giorgio Tabanelli dal titolo “Michele Prisco: il signore del romanzo.

Gli eventi celebrativi in onore dello scrittore oplontino proseguiranno a Roma, con la giornata di studio “Michele Prisco tra giornalismo e critica”. Un altro appuntamento commemorativo si svolgerà a Milano il prossimo aprile, mentre altre iniziative sono in corso ad Urbino, Teramo e Marcato San Severino, quest’ultima sede di una biblioteca dedicata allo scrittore.