Cinquanta giorni di tempo per liberare la struttura. Spiraglio di luce nella vicenda che ruota attorno al Cmo di Torre Annunziata.

Concesso il dissequestro della struttura, chiusa dal 9 luglio scorso: il tempo concesso sarà utile per smontare i macchinari presenti nel centro in attesa del via libera del comune per i lavori alla nuova struttura. Una speranza anche per i 69 dipendenti dell’azienda che, a ottobre sono stati licenziati.

La famiglia Marulo, in queste settimane, non ha lasciato nulla al caso, proseguendo su due strade parallele. La prima strada ha portato a impugnare l’ordinanza del Riesame ricorrendo alla corte di Cassazione. La seconda strada porta a proseguire nella preparazione ai lavori della nuova sede, ubicata in via Roma 13/21, in attesa del parere del comune di Torre Annunziata sulla scia in sanatoria documentale.