Un altro crollo e una nuova tragedia sfiorata oggi, intorno alle 17, all’interno del Porto di Torre Annunziata: solo per fortuna un uomo, C.I., classe ’68, oplontino con vecchi precedenti e noto alle forze dell’ordine, ferito dal crollo se l’è cavata con escoriazioni alla mano, al ginocchio e tanto spavento.

A sbriciolarsi sotto i colpi dell’abbandono e del degrado, stavolta, un semplice “gabbiotto”, piccolissimo, in cemento armato (4m x 3, le sue dimensioni), crollato in via Caracciolo, nell’area dell’ex scalo ferroviario già interdetto nel 2012 per pericolo dalla Regione ed ora acquisito dal Comune: lì dovrebbe nascere, da anni, il nuovo mercato del pesce. Ma oggi l’area è solo una discarica a cielo aperto tra topi, cumuli di rifiuti e centinaia di siringhe in bella mostra a terra.

Alle 16:45 C.I. era in quel gabbiotto, forse per far uso di droga, da solo e senza documenti. Dopo il crollo è stato salvato dall’intervento di due volanti della Compagnia dei carabinieri di Torre Annunziata e dai Vigili del Fuoco. Una pattuglia si trovava in via Caracciolo per caso: è stata allertata dalle grida di alcuni ragazzini, che proprio in quel momento stavano giocando a pallone nel Porto di Torre Annunziata.

I militari, con l’aiuto dei Vigili del Fuoco, della Polizia Municipale e della Capitaneria di Porto, hanno iniziato a scavare tra le macerie, estraendo vivo C.I. e chiamando un’ambulanza. Il ferito, ricoverato all’ospedale "San Leonardo" di Castellammare di Stabia, è sotto stretta osservazione dei medici e resterà ricoverato per l'intera notte. Le sue condizioni non sembrerebbero comunque gravi.

*****

Aggiornamente delle 20:40

L'uomo, anche se fuori pericolo, resterà per una intera notte in ospedale a Castellammare. A preoccupare i medici è una ferita alla mano, sulla quale dovrà a breve esprimersi il chirurgo del reparto specifico. Dovrà valutare le conseguenze della lesione sui tendini, dal suo parere dipenderà anche un eventuale trasferimento della vittima in un centro specializzato di Napoli. Nel frattempo, l'uomo sarà sottoposto a una serie di accertamenti per valutare anche altre eventuali conseguenze non subito evidenti. 

vai alle foto

Il crollo