“Il servizio pulmino per i disabili riprenderà da martedì”. A dichiararlo è Giuseppe Di Palma, assessore alle politiche sociali di Torre Annunziata. Dopo la denuncia delle famiglie a lo strillone.tv, il responsabile dell’Ambito Sociale 30  si è mosso ed ha posto fine al problema. “Abbiamo proposto una deroga alla vecchia gestione, che ha accettato. Poi ci sarà un nuovo bando con ulteriori fondi che arriveranno. Il servizio sarà fruibile dalle 8 alle 10 durante le ore mattutine e dalle 15 alle 17 in quelle pomeridiane”. Possono così tirare un sospiro di sollievo i disabili e le loro famiglie, ormai ridotte allo stremo.

LA REPLICA AD ALFIERI. Inoltre l’assessore ha colto anche l’occasione per replicare a Ciro Alfieri. L’esponente del Centro Democratico l’aveva criticato per non essere vicino ai problemi di Torre Annunziata essendo residente a San Sebastiano al Vesuvio. “Non basta certamente l’essere semplicemente indigeno del luogo per avere la giusta sensibilità  alla risoluzione di un  problema che certamente non è legato al territorio ma ai bisogni legittimi di persone e famiglie che soffrono disagi di varia natura. Per cui il venire da un’altra città non è certamente fonte di minore sensibilità su l’argomento delle politiche sociali”.

LA PROGRAMMAZIONE E L’AUSER. Inoltre Alfieri aveva inoltre apertamente bocciato l’Amministrazione accusandola di scarsa sensibilità verso alcune tematiche sociali importanti. Per Di Palma la situazione è ben diversa. “A tutt’oggi le attività di programmazione sono state regolarmente effettuate e hanno ottenuto l’approvazione degli organi competenti (Regione, Ministeri, ecc.) come mi conferma anche il Dirigente dell’Ufficio di Piano. Il quale ci tiene a precisare che a  fronte dei tagli draconiani alla spesa pubblica effettuati negli ultimi tre anni, tutti i servizi essenziali sono stati assicurati”. Infine anche il passaggio sul caso dell’Auser, sfrattato da via Dei Mille. “Non è una problematica delle politiche sociali. la scelta dei locali, che pur costavano a questa Amministrazione diverse decine di migliaia di euro per fitti passivi, ma bensì l’erogazione dei servizi agli amici ed amiche del centro che, ho avuto il piacere di incontrare più volte ed ai quali non farò mancare tutto il mio personale appoggio”.