Torre Annunziata. Spaccio di droga e furto all’Enel: in manette pregiudicato del rione Provolera. Il blitz è scattato oggi in via Asilo Infantile, area dove gli affari illeciti sono controllati dal clan “Chierchia-Fransuà”. I carabinieri della stazione di Torre Annunziata, agli ordini del maresciallo Egidio Valcaccia e del capitano Andrea Rapone, hanno arrestato Francesco Colasante, 47enne con vari precedenti.

Durante le perquisizioni, personale e in casa, i militari hanno sequestrato 2 flaconi di metadone, 8 grammi di mannite (sostanza usata per “tagliare” stupefacenti) e 750 euro in contanti. Aiutati dai tecnici dell’Enel, i carabinieri hanno inoltre accertato che Colasante alimentava la sua abitazione di energia elettrica con un allacciamento abusivo alla rete pubblica, che gli consentiva l’erogazione “a scrocco”. Per il furto, l’uomo è stato denunciato a piede libero.

Colasante è ritenuto molto vicino al clan Chierchia, storica cosca alleata dei Gionta. Nel blitz “Alta Marea”, Colasante finì in manette. Dopo un lungo processo, l’uomo venne condannato in via definitiva a 7 anni per associazione mafiosa e traffico di droga. Pena già scontata per intero.