Giostrine per disabili inagibili, il gruppo “Oplonti 5 Stelle” ha scritto al sindaco per chiederne la manutenzione straordinaria.

Lo hanno fatto sapere alcuni attivisti del Movimento. Hanno illustrato non solo lo stato di degrado in cui versano le giostrine presenti in villa comunale, ma anche il grado di sicurezza re di vigilanza al suo interno.

Il protocollo nasce da un sopralluogo nei giorni scorsi ed stato presentato oggi al Sindaco e agli assessori di competenza.

“Abbiamo potuto verificare che la giostrina per disabili si trova in condizioni di inutilizzo a causa di ripetuti atti di vandalismo e di danneggiamento”, hanno spiegato. La giostra fu inaugurata a marzo del 2018 ma non appena inaugurata, già fu, dopo appena 4 giorni, vandalizzata. La giostra fu rapidamente riparata grazie al pronto intervento di una ditta privata. Dopo pochi giorni nuovi atti vandalici presero di mira la giostra, provocando lo sdegno del presidente dell’associazione che ne aveva fatto dono: “Se il Comune non provvederà piazzando dei vigilantes a guardia della Villa comunale, durerà davvero poco”, spiegava allora Roberto Cirillo dell’Oplonti Trecase Run.

“Un monito che ci appare nella sostanza dei fatti un monito che si è rivelato fondato e purtroppo veritiero – ha continuato il Gruppo Oplonti 5 Stelle -. Sono trascorsi molti mesi da quel giorno ma nulla è cambiato pertanto chiediamo a questa amministrazione e alle forze politiche se esistano i presupposti per inquadrare il reato di danneggiamento aggravato, se siano stati posti in atto servizi di vigilanza attraverso l’uso di videocamere di sorveglianza, se esistono responsabili e se esistano misure per evitare ulteriori danneggiamenti”.

Il gruppo ha anche proposto di presentare progetti di pubblica utilità collettiva da destinare ai percettori del reddito di cittadinanza e di verificare la validità della videosorveglianza. “Non è più tollerabile questo stato totale di abbandono – hanno spiegato gli attivisti -. Servono azioni mirate di contrasto e anche di sensibilizzazione della popolazione. Oggi, chi è disabile a Torre Annunziata si sente abbandono e preso in giro da questa Amministrazione che trascura le persone con disabilità al punto di lasciare nel più completo abbandono una giostra destinata a persone fragili. Ci auguriamo che le forze politiche sane di Torre Annunziata rialzino la schiena a partire da qui, da questa piccola azione di amore verso chi ha una grave disabilità e oggi non può giocare come altri bambini”.