Manca solo un nome, ma oramai la “nuova” giunta Ascione è pronta. Il funzionario di banca, diventato sindaco dopo vent’anni di politica, nelle prossime ore annuncerà l’ennesimo governo cittadino. Ma non sarà quello che traghetterà la città alle urne nel 2022. No, perché l’accordicchio prevede un pit stop già a maggio con altri due cambi. Ma andiamo con ordine.

LA RICHIESTA DI DIMISSIONI

Ascione domenica pomeriggio ha chiesto all’assessore Orrico di rassegnare le dimissioni. “Mi serve il tuo posto in giunta per far spazio al PD” le parole del primo cittadino alle quali l’ingegnere ha risposto un secco no. “Io sto lavorando bene. Se vuoi, revocami tu l’incarico” gli avrebbe risposto Orrico. Figurarsi se Ascione firmi la revoca. L’escamotage, che salva capre e cavoli, è l’azzeramento di tutta la giunta giustificato dalla crisi politica. Un azzeramento fittizio visto che cinque assessori saranno confermati. Raggiunto telefonicamente, l’assessore Orrico conferma l’indiscrezione, tergiversa sulle dimissioni, anche se parla già da ex. “Il sindaco mi ha chiesto di dare le dimissioni, io sono disponibile, vedremo… Se sarà necessario, darò una mano all’amministrazione”.

LA NUOVA GIUNTA

Cinque assessori saranno confermati nei rispettivi ruoli: Luigi Ammendola, Emanuela Cirillo, Raffaele Pignataro, Gecchi Langella e Luigi Cirillo. Entra in giunta i Progressisti e Democratici con Sofia Donnarumma. L’avvocato è stato già assessore nella prima giunta Ascione con la civica 3C.

L’ultimo nome, in quota PD (sintesi tra area Ricciardi e area Avvisato) manca all’appello. “Si tratta di una donna espressione della società civile, con una storia di impegno sul territorio” fanno trapelare dall’interno.

PIT STOP A MAGGIO

A maggio 2021, ad un anno esatto dalle prossime comunali, Ascione rimetterà di nuovo mano alla giunta. Questa volta per due cambi. Lasceranno Pignataro e Langella. Entreranno Muto, espressione della componente Salvi Pallonetto (che per ora restano a bocca asciutta) e Michele Pagano, della lista Movimento Popolare Campano (l’unica lista della coalizione a non aver eletto consiglieri nel 2017).

Tutto questo naturalmente dopo l’azzeramento della giunta. Ora la palla passa al Sindaco.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

la scelta

Le dimissioni

caos politico