Sabato scorso si è tenuta la sesta edizione de “La Sagra della Torretta”. L’evento “cult” organizzato dall’ associazione “La Misericordia” di Torre Annunziata si è svolta nel piazzale dove si erge, in ristrutturazione, la storica torre, un tempo proprietà dei d’Alagno.

Tanti gli ospiti che si sono avvicendati sul palco: dal mondo dello spettacolo  a quello politico ; dallo sport , alla televisione. Uno spettacolo totale capace di  coinvolgere attivamente gli spettatori che hanno apprezzato particolarmente la splendida voce della cantante e attrice Pina Giarmanà, reduce da una tournèe con Massimiliano Gallo, che, per l’ occasione, ha  interpretato alcuni brani che hanno fatto la storia della canzone classica partenopea, partendo da una villanella quattrocentesca fino a quelli più famosi, come l’ appassionata “Lusingame” e l’ immancabile “Tammurriata”.

Al microfono della presentatrice della serata, Liliana Peluso, mentre  l’ allenatore  di pugilato Lucio Zurlo si è fatto portavoce della sua altrettanto celebre “allieva” Irma  Testa, campionessa,  definendola  un orgoglio torrese nel mondo.

Le emozioni sono continuate con la canzone di Nino Vicidomini “ Chesta madunnella nera”, dedicata alla Madonna della Neve, il cui testo ha destato grande commozione tra il pubblico.

Il sacerdote don Antono Carbone, Direttore dei Salesiani di Torre Annunziata, ha avuto, nel corso del suo intervento, parole di  ringraziamento verso i tanti volontari della Misericordia e al termine ha officiato il rito di benedizione della manifestazione.

A sorpresa è poi salito sul palco l’attore Giovanni Caso, alias dottor Sarti nella seguitissima fiction “Un posto al sole”, che ha salutato il caloroso pubblico oplontino.

Poi è stata la volta del sindaco Vincenzo Ascione, che ha salutato  “la Sagra della Torretta” come il risultato di una cooperazione, auspicando una maggiore coesione civile e  una collaborazione sinergica con le associazioni operanti sul territorio per la realizzazione di progetti che rilancino l’ occupazione nella città.

La serata si è conclusa con la partecipazione di un ospite straordinario, il cabarettista Peppe Sannino, che si è esibito in uno spettacolo esilarante e coinvolgente che ha letteralmente “animato” la piazzetta e gli spettatori entusiasti.

Al termine è giunto il momento dei saluti. Sul palco  la governatrice Enza Costa e  una delegazione di volontari  si sono stretti in un abbraccio solidale , sotto le notte di “Napule è” a far da colonna sonora ai fuochi d’artificio.

Liliana Peluso