Un’altra famiglia a cui il covid ha tolto il respiro.

E’ il dramma che sta vivendo la famiglia Ametrano di Torre Annunziata. Due tragedie consumate in pochi giorni da un virus che non lascia scampo.

Al San Leonardo di Castellammare di Stabia oggi si piangono 4 morti per covid. Tra questi c’è anche un 44enne di Torre Annunziata. Raffaele Ametrano non ce l’ha fatta. E’ morto su una barella di un’autoambulanza all’interno del nosocomio stabiese. Portato d’urgenza al pronto soccorso per problemi respiratori. Cardiopatico, respirava con l’aiuto dei macchinari. Solo qualche giorno prima a morire era stato il padre.

Al San Leonardo, si rinnova l’allarme lanciato da sanitari, medici di base e farmacisti sulla carenza di ossigeno e dei posti letto. Gli ospedali si riforniscono ma il fabbisogno è tale che finisce rapidamente. Una continua corsa contro il tempo.

“Abbiamo ricevuto una telefonata alle sette del mattino, erano i sanitari ci hanno avvisato della morte di Raffaele. E’ morto da solo, senza nemmeno un familiare che potesse assisterlo. Denunceremo tutto ai carabinieri”, ha spiegato affranto il cognato della vittima, che vive e lavora in Lombardia assieme alla sorella della vittima.

Cresce ora l’ansia per il fratello di Raffaele, anch’egli ricoverato perché contagiato dal coronavirus. Ha patologie pregresse ed è ricoverato in terapia subintensiva del Covid Hospital di Boscotrecase, in condizioni serie ma non in pericolo di vita. “Siamo molto in ansia per le sue condizioni – ma non riusciamo ad avere notizie su di lui. Non vogliamo piangere un’altra vittima”.

La resa

Il chiarimento

l'allarme

LA SITUAZIONE