Giuseppe Carpentieri, genero del boss Valentino Gionta raggiunto da alcuni colpo d’arma da fuoco in corso Vittorio Emanuele a Torre Annunziata, era da poco tornato libero dopo 27 anni di carcere scontati per una condanna definitiva relativa a un duplice omicidio avvenuto negli anni ’90. Si tratta delle uccisioni di Alfredo Nasti e Ciro Fraschetta.

L’uomo è comunque una figura di spicco del clan dei Valentini avendo sposato Teresa, figlia del boss ergastolano. Nel frattempo emergono i primi dettagli sulla dinamica del raid.

Il 55enne è stato ferito alle gambe e all’inguine in maniera grave. Gli spari, secondo i carabinieri di Torre Annunziata, sono partiti con ogni probabilità da un edificio posto di fronte all’abitazione nella quale si trovava proprio in quel momento.

Ora Carpentieri è ricoverato all’ospedale Maresca di Torre del Greco.

L'uscita anticipata

Le condizioni

Le parole del sindaco

la dinamica

I danni all'ospedale

Il raid