“Basta vincere a tutti i costi, è ora di cambiare”. E’ stato questo il diktat del discorso di Paolo Persico. Il commissario del Pd di Torre Annunziata ha aperto l’incontro che si è tenuto al circolo “Raffaele Di Sarno” al quale hanno preso parte i vari segretari dei comuni che erano o sono stati sciolti per infiltrazioni della camorra.

Sono giunti esponenti da  Arzano, Castellammare di Stabia, Caivano, Marano, San Gennaro Vesuviano, Villaricca e Sant’Antimo. Tutti hanno raccontato la loro esperienza, in un momento di riflessione al quale hanno preso parte non più di una 30ina di persone.

Anche stavolta poca la partecipazione all’incontro. Ma malgrado tutto Paolo Persico ha voluto esporre le linee guida per il futuro. “A Torre Annunziata non abbiamo nascosto i nostri errori. Ora c’è bisogno di riflettere sul futuro delle realtà locali. Vogliamo far nascere un coordinamento dei comuni commissariati. Esporremo un documento che si baserà su tre punti. Il primo è quello di capire che è finito il tempo della rimozione dei valori reali del Pd. Eravamo diventati solo un partito che pensava a vincere. Ora dobbiamo elevare la partecipazione politica, perché il problema è serio. Troppe liste e poca selezione delle candidature. Il secondo punto è quello di una riforma della legge sugli scioglimenti. E’ il momento che le forze politiche intervengano con misure serie per la struttura amministrativa. Il terzo è quello di portare avanti una battaglia contro la camorra e la corruzione. Con particolare attenzione sulle risorse del Pnrr”.

All’incontro ha partecipato anche il segretario provinciale Marco Sarracino.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"