“È fatto divieto di esercitare con qualunque modalità e comportamento, nei luoghi pubblici, attività di meretricio”. Il sindaco di Torre Annunziata, Giosuè Starita, ed il comandante della Polizia Municipale, Antonio Virno, hanno firmato l’ordinanza ‘anti lucciole’. La disposizione introduce multe salate sia per le prostitute che per i loro clienti ed avventori.

È un problema annoso quello che si vive da anni a Croce di Pasella, l’incrocio al confine tra Torre Annunziata e Pompei, a pochi passi anche da Boscoreale e Castellammare di Stabia. Un vero e proprio mercato del sesso in piena strada che funziona dalla mattina fino a notte inoltrata. Sono decine le prostitute che si alternano, principalmente lungo via Plinio, tra le due città patrimonio UNESCO. Clienti che si fermano ovunque, improvvisamente, mettendo a rischio la circolazione stradale.

Da oggi saranno puniti anche questi comportamenti con una multa di 516 euro che si dimezza a 258 se è pagata entro 60 giorni dalla contestazione. Se la persona è recidiva, dal secondo accertamento la sanzione applicata sarà sempre il massimo: 516 euro.

Tempi duri anche per gli avventori. “È fatto divieto – recita l’atto del primo cittadino – di concordare prestazioni sessuali”, nonché “è fatto divieto ai conducenti di veicoli di effettuare fermate, anche di breve durata, di accostarsi, di eseguire manovre pericolose al fine di richiedere informazioni o concordare prestazioni sessuali”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"