Si terrà domani mattina il sopralluogo dei consiglieri comunali di Torre Annunziata al cantiere della bretella, in zona Salera. È una parte del lotto dei lavori, che riguardano il porto della città oplontina, finanziati da 33 milioni di euro di fondi comunitari. L’insieme delle opere riguardano anche la bonifica del tratto della spiaggia dove insiste la strada di collegamento porto-Rovigliano e l’escavo dello scalo comunale.

“Spesso riceviamo notizie dai tecnici dell’Ente ma difficilmente riusciamo a vedere con i nostri occhi l’avanzamento dei lavori. La finalità dell’iniziativa è dettata soprattutto da questa ragione”. È la motivazione che ha spinto il capo dell’assise, Antonio Gagliardi, a fare richiesta di controllo dapprima insieme ai capigruppo, invito poi esteso al resto dei consiglieri. “Sarà solo una prima tappa – conclude il presidente del consiglio – la mia idea è supervisionare anche gli altri lavori pubblici che si stanno facendo in città”.

Una proposta che ha trovato il parere favorevole di quasi tutti i membri dell’assemblea consiliare. Oltre al Pd, parteciperanno anche Pasquale Iapicca dell’Udc, Rocco Manzo (indipendente), Bruno Avitabile di Torre del Valore, insieme a Ciro Portoghese e Davide Alfieri di Centro Democratico. Proprio da questi ultimi, però, alcune stoccate dirette al presidente Gagliardi ed al governo Starita. “Non sono questi i problemi che i cittadini vivono ogni giorno e su cui essere presenti”, ha tuonato Portoghese che ha ricordato come la bretella, in origine, “doveva essere la ‘avenida costero’ che avrebbe collegato Torre con Castellammare. Progetto in soffitta, poi ripreso con la variante che la interrompe a Rovigliano. In ogni caso – conclude – il dubbio resta sulla non conclusione dell’escavo in tempo utile per rendicontare le opere”.

Si tratta solo di una farsa organizzata da Gagliardi”. Fa eco Alfieri che ricorda come “si dovrebbero accendere i riflettori sul debito contratto con la Multiservizi, la conclusione dei lavori del Contratto di Quartiere 2 ma anche la fine, in tempo utile, delle opere al porto. Se così non fosse – chiosa – si aprirebbe lo scenario drammatico della restituzione dei fondi compresi i soldi spesi per la bretella”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"