Decine e decine di studenti, amministratori, chiesa, associazioni e cittadini. E’ iniziata la passeggiata denominata “Mani che stringono mani”, organizzata dal referente di “Libera” per la città di Torre Annunziata per ribadire il secco “no” alla violenza e alla criminalità.

Il corteo, partito dalla chiesa di San Francesco di Paola (dove si consumò la strage di Sant'Alessandro, ndr) toccherà la Basilica della Madonna della Neve. Qui don Ciro Cozzolino ha passato il testimone ai ragazzi della città che hanno letto un articolo di Giancarlo Siani, il cronista de “Il Mattino” ucciso dalla camorra.

La passeggiata proseguirà verso Palazzo Fienga, luogo in cui il corteo si fermerà di nuovo per un altro tributo.

+++ seguono aggiornamenti +++

vai alle foto

L'incontro