L'associazione politico-culturale La Paranza delle Idee richiede, tramite comunicato stampa, un ampio confronto al Comune di Torre Annunziata sulla riqualificazione del litorale.

“Per la riconversione dell’ex Cirio di Castellammare di Stabia (al cui posto altri imprenditori avrebbero voluto costruire un bel po’ di case, che avrebbero acquisito più valore se la vicina ferrovia Torre Annunziata-Castellammare fosse stata soppressa) sono sotto inchiesta 12 persone”.

“C’è uno scenario che ci porta a rinnovare al Comune di Torre Annunziata l’invito a divulgare e a discutere pubblicamente al più presto l'intero progetto di rigenerazione urbana consegnatogli nel dicembre scorso dagli imprenditori di Naplest et Pompei - scrive l'associazione -. Qualche anno fa fu presentato un piano volto a eliminare un pezzo della ferrovia Napoli-Salerno, per creare un unico grande lungomare della costa del Vesuvio. L'idea trovò accoglienza tant’è che nel 2018 il Sindaco Ascione chiese la chiusura della linea ferroviaria per la Città delle Terme”.

“Non vogliamo avanzare sospetti, accostando forzatamente le due vicende - concludono - ma solo suggerire un modo per tutelare da letture distorte il tema del rilancio della città.”