“Un tesserino di professionista per Giancarlo Siani”. E’ stata questa l’idea lanciata questa mattina da Ottavio Lucarelli, presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, presente questa mattina a Torre Annunziata, per il conferimento della cittadinanza onoraria al giornalista de “Il Mattino” ucciso dalla camorra.

Lucarelli ha parlato dinanzi a Paolo, fratello di Giancarlo Siani, nel corso della parte dedicata all’inaugurazione della panchina della Libertà di Stampa, avvenuta a Villa Parnaso. “Ricordo ancora quando accogliemmo la notizia della sua morte. Oggi lui ha mostrato con orgoglio il suo tesserino da pubblicista. Penso che quello da professionista sia il giusto merito per il lavoro che ha svolto”.

Altra idea è venuta a Giovanni Taranto, presidente dell’Osservatorio per la Legalità e amico di Siani, che ha proposto a Federico Monga, direttore de Il Mattino di stipulare un contratto da professionista simbolico per Giancarlo Siani.

Particolarmente significative, sono state, infine le parole di Sandro Ruoto. “Se ad oggi tanti giornalisti sono sotto scorta o vengono minacciati è perché tanti altri non svolgono bene il proprio lavoro”.

vai alle foto

la cerimonia di conferimento

Il racconto

Il commento di Raia

il corteo di "Libera"