“Una regia occulta dietro lo sversamento selvaggio di rifiuti”. E’ questa l’idea di Luigi Ammendola, assessore ai lavori pubblici di Torre Annunziata.

In questi giorni, nonostante la bonifica da parte della Rfi  delle Arcate Borboniche, via Pescatori è diventata una discarica a cielo aperto, con l’aria diventata ormai irrespirabile. “La ditta ha un piano di smaltimento. Non è un’operazione semplice, perché c’è bisogno di selezionare le varie tipologie di rifiuti e poi smaltirle. Purtroppo certi fenomeni sono creati dall’inciviltà delle persone e non solo”.

Infatti per Ammendola il problema potrebbe essere ben più grande. “Ho proposto al sindaco di inoltrare un esposto in Procura, perché vi è una produzione di spazzatura davvero elevata. Non credo sia solo il singolo cittadino, che si ferma con la propria auto e getta il sacchetto nero. Penso che dietro ci sia qualcosa di diverso”.

Nel frattempo il Comune ha in mente delle iniziative. “Innanzitutto cercheremo quanto prima di ripulire i quartieri più critici. Poi siamo in attesa dei fondi della Città Metropolitana per l’installazione delle 100 telecamere di videosorveglianza”.