“L’Amministrazione ci ha snobbato, per noi è diventato impossibile lavorare così”. E’ a dir poco deluso Giuseppe Manto, coordinatore di Confcommercio a Torre Annunziata.

Quest’oggi si è tenuta una riunione urgente del direttivo per discutere dell’attuale situazione, che stanno vivendo i vari negozianti della città.

L’ATTACCO. “Lo scorso 19 marzo avevamo avuto un incontro con alcuni esponenti dell’Amministrazione, tra cui Martina Nastri, assessore al commercio – ha dichiarato Giuseppe Manto- Nel corso delle settimane ci siamo tenuti in contatto per organizzare tavolo tecnico o mettere in piedi qualche iniziativa, ma lei ci ha snobbato. L’assessore mi ha riferito che gli incontri potevano avvenire solo tramite la consulta dei commercianti, presieduta da don Ciro Cozzolino, e  che solo da lui mi dovevo aspettare eventuali convocazioni. Io non ho nulla contro, ma il nostro lavoro è totalmente diverso”.

I TEMI DA AFFRONTARE. Per il coordinatore di Confcommercio i tavoli tecnici erano di un’importanza cruciale per risollevare le sorti dei vari negozi oplontini. “C’erano da affrontare dei temi caldi come quello dell’area mercatale, che pare sia sotto la lente d’ingrandimento della guardia di finanza. Senza dimenticare quello dell’abusivismo commerciale, che ci sta danneggiando sempre di più e del piano commericale, ormai obsoleto per i nostri tempi. Ormai siamo avviliti, non ci resta altro che consegnare le chiavi delle nostre attività al sindaco Ascione. Non è possibile che prima ci dicono di denunciare e poi non ci ascoltano. In noi cresce sempre più la sfiducia verso le istituzioni”.

IL FUTURO. Giuseppe Manto non ha, però, intenzione di fermarsi. Anzi ha già idee su quelli che saranno i prossimi programmi. “A breve metteremo in campo delle iniziative, ma lo faremo sostenuti dalla nostra associazione. Noi eravamo aperti a tutti, ma abbiamo visto che non cambierà mai nulla. La legalità, a nostro avviso, va vista a 360 gradi e non solo dove si conquistano attestati e encomi. Infine giovedì al parcheggio Morelli a Napoli ci sarà un incontro con il presidente Nazionale di Confcommercio, al quale esporremo il problema Torre Annunziata”.