La maggioranza in consiglio appesa a un filo. Dopo la decisione del sindaco Vincenzo Ascione di andare avanti, ora l’attenzione si sposta sui numeri al consiglio comunale di Torre Annunziata.

Un valzer di incontri e riunione per arrivare ai 13 voti favorevoli in aula per far proseguire il lavoro dell’amministrazione. Dopo le dimissioni di Lorenzo Diana, il ruolo di vicesindaco e relative deleghe è stato affidato a Raffaele Pignataro.

E allora spazio al “pallottoliere”: le ipotesi sono al momento quella di una perfetta parità tra i fedelissimi e quelli che sono favorevoli a un passo indietro del sindaco. Oltre all’opposizione, da valutare le posizioni di Gerardo Salvi e Antonio Pallonetto. Stesso discorso per Salvatore Solimeno e Marcello Vitiello. “No” pressoché sicuro da parte di Germaine Popolo, che recentemente ha annunciato le sue dimissioni, oltre a Francesco Nella, che raccoglie l’eredità di Pasquale Iapicca, mai tenero specialmente negli ultimi mesi nei confronti del sindaco. A questi potrebbe aggiungersi anche Franco Colletto, consigliere PD ma che pare molto restìo a tendere la mano ad Ascione.

All’interno del Pd resta tutto bloccato, con il gruppo consiliare ancora senza una linea chiara. Il sindaco con questi numeri potrebbe andare avanti per qualche altro mese: alla prima occasione utile potrebbe andare in minoranza in aula. Molto dipenderà anche dalla riunione di maggioranza, convocata per domani pomeriggio. Solo al termine del confronto si conosceranno le residue possibilità di Ascione di continuare a indossare la fascia tricolore.