“Come ‘Alice nel paese delle Meraviglie’, il 19 dicembre è stato il giorno della non-inaugurazione della bretella che avrebbe dovuto alleviare il traffico dei mezzi pesanti sul territorio cittadino. Un’arteria difficilmente realizzabile nei tempi previsti”. A puntare il dito contro il sindaco di Torre Annunziata, Giosuè Starita, è il segretario di Sinistra Italiana, Massimo Napolitano, che evidenzia l’incongruenza tra l’annuncio dell’apertura della strada e lo stato di avanzamento dei lavori.

“Un altro degli annunci del primo cittadino che si rivela un bluff e, come uno dei personaggi del libro di Carroll, Starita il brucaliffo continua a vendere fumo mentre cerca di conviverci a mangiare il fungo magico. Ma i cittadini si sono svegliati da questo incubo e stanno iniziando a capire che si tratta di chimere come le promesse dell'aprile del 2015 quando annunciò lo sblocca Torre”.

Di qui l’elenco delle ‘promesse’ fatte dal capo dell’amministrazione che secondo Napolitano non sono state mantenute. “Nel Penniniello – dice – doveva sorgere la sede della polizia municipale nel giugno del 2015. L'ex linea ferroviaria per Cancello doveva diventare una pista ciclabile e ciò avrebbe dovuto portare nuovo lavoro nelle ditte. Entrambe non realizzate”.

Ancora: “La bretella, così come l'escavo del porto, non è stata completata e nessun lavoratore oplontino è stato impiegato. Il restyling del water front della linea di costa non è mai partito e i fondi Jessica sono scomparsi. I fondi del contratto di quartiere del quadrilatero carcere sono andati perduti e Palazzo Fienga è diventato un monumento all'inefficienza. Il centro commerciale Oplonti è servito solo ad arricchire costruttori e consulenti. Il lido Sanata Lucia rimane un monumento all'orrore e agli errori”. Infine: “La clausola speciale dell'assunzione di torresi per le ditte che vincevano gli appalti pubblici è rimasta lettera morta”.

Un quadro a tinte fosche quello presentato dal numero uno di SI, secondo il quale si tratta del “libro nero del decennio Starita che contiene ancora molti altri capitolo. Siamo sicuri – conclude – che anche l’ultima sua promessa, quella che tornerà a fare l’avvocato a fine mandato, non verrà rispettata”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"