Si è concluso convergendo su una data condivisa, il 13 dicembre prossimo, quella che vuole essere una manifestazione per dire no all’illegalità imperante a Torre Annunziata, soprattutto dopo l’ennesimo raid in via IV Novembre.

Far coincidere la data con il conferimento a Giancarlo Siani della cittadinanza onoraria è stato accolto favorevolmente da quasi tutte le associazioni e i cittadini presenti, tra gli altri, don Ciro Cozzolino, referente del presidio Libera, don Antonio Carbone della Onlus Piccoli Passi Grandi Sogni, Giuseppe Manto, presidente di Confcommercio, Aldo Avvisati, Presidente Rete Vesuviana-Ospitalità diffusa, Filippo Germano presidente di Essoesse e direttore di Cortodino, Ciro Maresca, presidente della Pro Loco Oplonti, Antonello Sannino, come rappresentante dell’Anpi, Claudio Bergamasco, rappresentante de ‘La Paranza delle Idee’, Felicio Izzo, preside del Liceo Artistico ‘De Chirico’, Gianfranco Telese di Federconsumatori, Franco Matrone di Zero Waste Campania, e Aniello Aiello dell’associazione Ubuntu, Rita Di Gennaro per l’associazione Eirene, il Forum dei Giovani e il consigliere comunale Pierpaolo Telese.

Dall’assemblea la volontà di far sentire la voce di un’altra Torre, senza in alcun modo polemizzare con l’amministrazione. La concomitanza con la manifestazione in onore al ricordo del giornalista e con l’inaugurazione a Villa Parnaso di una panchina per la libertà di stampa, va letta dunque come impegno ad affermare che Torre non vuole stare zitta dinanzi a una serie di eventi che hanno scosso non poco la città e con una manifestazione al’interno di un evento importante.

Dalla riunione è emersa anche la volontà di istituire una settimana della legalità, con tavoli tecnici per una programmazione più precisa delle attività da intraprendere e uno spazio in cui dialogare e confrontarsi.

L’INDISCREZIONE. In attesa dell’ufficialità emergono i primi dettagli. Il corteo dovrebbe partire dall’esterno della chiesa di San Francesco, luogo della strage di Sant’Alessandro, e arriverà poi alla Casa Comunale di via Schiti. Tutti si terranno per mano.