Abbiamo deciso di contribuire, dando il giusto risalto alla mostra che si terrà fino al 31 marzo, salvo eventuali proroghe, a Palazzo Criscuolo”. È il messaggio che hanno lanciato dal meetup Amici di Beppe Grillo di Torre Annunziata all’amministrazione oplontina, dopo poco più di 10 giorni dall’apertura dell’esposizione dei tesori rinvenuti durante gli scavi per il parco archeologico cittadino. Il motivo? Presto detto. “Era dal 1989 che i tesori delle due ville di Oplontis non venivano mostrati. Alcuni reperti non avevano mai lasciato i depositi dov’erano stati confinati”.

Date la scarsa comunicazione che ha girato intorno all’evento, i grillini hanno deciso “di promuovere un volantinaggio, a nostre spese, presso scuole, siti archeologici, pro-loco e strade cittadine. Si spera così di motivare chi ancora non ha colto o non ha potuto o saputo dello straordinario accadimento cittadino. L’occasione è davvero irripetibile per la città che mostra finalmente il suo volto nobile, tra tesori culturali ed archeologici unici”.

I pentastellati promettono di farsi “promotori e pungolo per l’amministrazione comunale” sulla questione “di un museo permanente di Oplontis, dove raccogliere e promuovere i ritrovamenti degli scavi”. Infine, data l’assenza della mostra da internet, gli stessi grillini hanno inviato a Google “la segnalazione su orario di apertura e posizione”.

vai alle foto

Apertura straordinaria

Apertura no stop il primo maggio

Il finanziamento dell'Ente

Il commento di Alfano

La curiosità

Gli ingressi al 31 marzo

Starita: 'Mostra prolungata'

Gli studenti alla mostra

La nostra risposta

Mostra, questa sconosciuta

Niente pubblicità anche a Pompei e Boscoreale

Il commento di Osanna

Starita: 'Il palazzo sede museale permanente'

L'inaugurazione l'11 marzo

'Dopo la mostra, il museo in città'

La Regione sblocca il finanziamento

Mostra rimandata al 30 novembre

La dedica a Khaled al Assaad

Bocciato 'Le vie di Oplonti'

Approvato il finanziamento

Gli 'Ori di Oplonti'. Il commento di Irlando

La mostra degli 'Ori di Oplonti'