“I divieti non funzionano perché non ci sono controlli e le restrizioni sono anche troppe. Dopo un anno le persone sono stanche, ecco perché ci sono tante persone per strada”. E’ lo sfogo dei cittadini di Torre Annunziata che si apprestano a passare l’ennesima Pasqua blindati in casa tra obblighi e divieti.

“Onestamente però credo che anche se ci fossero i controlli, le persone uscirebbero comunque più del necessario”, conclude una cittadina. E infatti a Torre Annunziata nonostante la zona rossa e i diversi divieti, questa mattina erano molte le persone in strada. E a chi gli viene chiesto cosa sia andato storto, la risposta più gettonata è stata quella dei pochi controlli in città, incolpando il modo di pensare delle persone.

Certamente la situazione epidemiologica in città è nettamente migliorata, il trend è sempre più a vantaggio dei guariti che da giorni superano i nuovi contagiati ma ciò non significa essere usciti dall’emergenza covid. Un’emergenza che ormai ha devastato il piccolo comparto economico locale: “Ci dispiace per l’economia e i negozi locali – affermano – ma per strada c’è ancora troppa gente e assembramenti. Anche noi siamo scesi stamattina ma per fare la spesa”, indicando le buste del discount. C’è chi vede la condizione in cui verte l’economia “sintomatica dell’andamento della situazione attuale. Bisogna solo aspettare”.

Ma quanto ancora bisognerà aspettare? Sia a livello regionale che locale, sono state messe in campo tutte le regole possibili e adatte per cercare di uscire da questa pandemia, ma a Torre Annunziata, così come in altre città, i cittadini sono tutti d’accordo nel dire che “i divieti vanno bene ma bisognerebbe rispettarli”.

vai al video

La decisione

Le decisioni