I cittadini oplontini contro lo spreco di acqua potabile. Ignorate diverse richieste per sostituire l’attuale fontanella a getto continua nella curva di via Gino Alfani, con una ad attivazione a pedale.

Si sa bene che l’acqua è un bene che se non preservato rischia di esaurirsi e che i cambiamenti climatici, unitamente alle perdite lungo gli acquedotti, stanno mettendo a rischio le falde acquifere. Ne sono consapevoli anche i cittadini di Torre che, da mesi ormai, stanno chiedendo di istallare un meccanismo a pedali per l’avvio del getto di acqua in una delle poche fontanelle rimaste attive sul territorio cittadino.

“Ho scritto mail, mandato lettere e telefonato più di una volta per chiedere la riduzione di quello spreco – spiega il signor Fabio – e per segnalare una perdita nella tubatura di quella fontanina, ma sono stato ignorato. E non sono stato l'unico dato che lo hanno fatto molti miei amici e conoscenti, spinti dallo stesso senso civico”.

L’acqua fuoriesce dal sistema di scarico e si riversa sul marciapiede rendendolo molto scivoloso e creando disagi ai pedoni in transito.

“L’intervento che chiediamo è una cosa di poco conto per un’azienda così grande, ma utile non solo a ripristinare la fontanina e il marciapiede tutelando l’incolumità dei fruitori – continua - ma importantissimo ai fini della riduzione degli sprechi, sulla quale decine di campagne di sensibilizzazione sono in atto”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"