Perse un occhio durante il violento pestaggio. Bullizzato in strada perché gay, poi rinchiuso in una scatola di cartone e picchiato. Ieri, il tribunale di Torre Annunziata ha condannato in primo grado a 6 anni e mezzo di reclusione per lesioni gravissime Gaetano Ossame un 30enne, che sferrò un calcio in pieno volto al 50enne, costituto parte civile al processo, assistito dall’avvocato Simonetta Vitiello. Usciti dalla scena giudiziaria gli altri che erano con lui sei anni fa. 

I fatti si sono verificati nella notte tra il 31 agosto e il 1° settembre 2017 e furono denunciati dal 50enne solo due mesi dopo, quando gli fu asportato definitivamente il bulbo oculare perforato dalla terribile aggressione.

Ieri pomeriggio, il giudice Francesco Todisco ha emesso la sentenza di condanna nei confronti del trentenne di Torre Annunziata, assolvendo l’altro imputato per non aver commesso il fatto.

Durante la sua requisitoria il pm Ugo Spagna aveva chiesto una condanna a quattro anni e dieci mesi, inferiore a quella decisa dal giudice. “Finalmente – racconta il 50enne – dopo tanti anni giustizia è stata fatta. Da quella tragica notte la mia vita è cambiata per sempre: ho vissuto momenti di sconforto e di forte depressione, ritrovandomi senza un occhio e con grosse difficoltà economiche, ma devo ringraziare il mio avvocato che ci ha sempre creduto”. L’imputato dovrà risarcire i danni in sede civile.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"