Bombe in concessionaria per ottenere il pizzo: inattendibile la testimonianza dell’imprenditore vittima del racket.

Nuovi particolari emersi nel corso del processo al Quarto Sistema, il clan con base al rione Penniniello di Torre Annunziata e che si poneva in contrasto con i gruppi storici del territorio, come i Gionta e i Gallo Cavalieri.

Dopo la requisitoria del pm Ivana Fulco, è toccato al collegio difensivo illustrare e difendere le posizioni dei propri assistiti. Particolare attenzione è stata data all’attentato avvenuto il 5 giugno 2020 in via Sant’Antonio. Un ordigno fu lanciato da due persone in sella a uno scooter contro la concessionaria di un imprenditore, titolare della concessionaria Ad Cars. Secondo gli inquirenti, a partecipare a quel raid furono Matteo Fraterno e Pietro Evacuo: “Le testimonianze fornite dalla vittima sono inattendibili – ha spiegato nel corso della sua arringa Giuseppe De Luca, che cura gli interessi dei due imputati -. Sono state rese almeno 5 dichiarazioni ai carabinieri in cui sono stati riscontrati diversi elementi discordanti”.

Nel corso del processo, era stato fornito anche un video, in cui si ritraevano proprio Evacuo e Fraterno. Immagini ritenute esaustive della loro appartenenza al clan del Penniniello. Anche questa ipotesi è stata respinta con fermezza dall’avvocato De Luca, in quanto “un semplice video non può essere ritenuto elemento di collegamento a un clan camorristico”.

A fine mese si discuteranno le tesi difensive di Salvatore Carpentieri e di Domenico e Salvatore Balzano.

vai al video

le richieste