Trentanove anni fa a Torre Annunziata veniva assassinato Luigi Cafiero, vittima innocente di camorra. Era il 21 aprile del 1982: il giovane (aveva appena 19 anni) stava passeggiando insieme alla sua ragazza quando un gruppo di sicari gli si avvicinò ed esplose undici colpi di pistola. Il giovane morì all’istante mentre la fidanzata rimase ferita. Ma non era lui il vero obiettivo del commando: i killer lo avevano scambiato per un certo “Antonio”.

Oggi la città di Torre Annunziata l’ha ricordato dinanzi alla lapide ubicata al Penniniello, zona di confine con Boscoreale e Pompei.

vai alle foto