Si butta a mare per sfuggire all'arresto. Rischia di annegare, cercando di fare perdere le sue tracce, inseguito da una motovedetta della Capitaneria di porto.

L'incredibile vicenda a Torre Annunziata. Un uomo, dopo avere fatto uno scippo in centro, è stato notato dai carabinieri che hanno provato a fermarlo. Per evitare di essere raggiunto dai militari, è fuggito attraverso le Rampe e si è tuffato dal molo di Ponente. Ha nuotato per più di 500 metri, fino a quando non ce l'ha fatta più.

Dopo due ore in acqua ha dovuto arrendersi. A salvarlo gli uomini della Capitaneria di porto, mentre sulla banchina lo aspettavano i carabinieri.

È stato portato in ospedale al Maresca di Torre del Greco. E dopo gli toccherà anche pagare per lo scippo, nonostante i tentativi disperati di evitare di fare i conti con la giustizia.