Sigilli al Circoletto, simbolo della movida di Torre Annunziata. Lo storico locale oplontino, da anni punto di riferimento dei giovani e simbolo del sentito Curva Day del 24 e 31 dicembre è stato chiuso. A deciderlo è stato il Tar, che ha dato ragione a Antonella Pagano, co-proprietaria dell’immobile in via Gino Alfani, difesa dall’avvocato Ippolito Matrone.

La difesa di Mario Autieri, altro proprietario e titolare de “Il Circoletto”, aveva impugnato la precedente sospensione di alimenti e bevande, dello scorso 8 giugno, ottenendo la riapertura dei locali. Poi c’è stata la resistenza da parte della controparte, che ha poi portato alla sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale della Campania.

Secondo quanto si evince dal provvedimento, non c’è conformità urbanistico edilizia dei locali, con riferimento all’altezza minima. In particolare è stato riscontrato che l’altezza dei locali è risultata pari a 2,70 metri, ad eccezione dei servizi igienici dove si è arrivati a 2,45 metri. Per le normative vigenti i metri dovrebbero essere minimo 3,20.

Per l’accusa sarebbero anche mancate, presso il comune di Torre Annunziata, le autorizzazioni per il cambio di destinazione d’uso commerciale.

Così sono stati posti i sigilli a “Il Circoletto”. I proprietari del locale avranno ancora la possibilità di inoltrare ricorso al Consiglio di Stato. Ma nel frattempo si spengono le luci di un locale divenuto simbolo delle notte di tante generazioni di torresi.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"