TORRE ANNUNZIATA. "Stop alla violenza dei tribunali contro le donne, vittime di stupro e stalking". Questo lo slogan del sit-in di protesta organizzato oggi, all'esterno del Palazzo di Giustizia di Torre Annunziata, dall'associazione femminista "Catena Rosa". La protesta delle donne, striscioni e cartelli in mano, è andata in scena in contemporanea, alle ore 12, all'esterno di diversi tribunali italiani.

Nel mirino delle attiviste, la sentenza emessa lo scorso 25 febbraio dal Tribunale di Torino. La decisione ha assolto un ex commissario della Croce Rossa, accusato di presunte molestie e stupro ai danni di una dipendente interinale. Ada Ferri, portavoce di Catena Rosa, spiega il perchè del sit-in: "Protestiamo contro una delle principali motivazioni per le quali l'imputato è andato assolto.

Secondo il Tribunale di Torino, la vittima, non reagendo con un forte urlo, sarebbe stata consenziente. Per lei, adesso, si profila un processo per calunnia". Il simbolo della denuncia del movimento femminista, dopo la sentenza, è divenuto una riproduzione del quadro "L'Urlo" di Munch.