Spiragli per il ritorno del Savoia al Giraud. I bianchi guidati da Antonio Barbera hanno cominciato la loro stagione giocando le gare interne al “Paudice” di San Giorgio a Cremano. Una soluzione che non piace né alla società né ai tifosi. L’esilio forzato è dovuto all’inagibilità dello stadio Giraud. Negli ultimi anni le porte sono state aperte solo grazie alla firma del sindaco Ascione prima di ogni partita casalinga. Ora, con l’arrivo della commissione straordinaria, è stato messo un freno a questa misura emergenziale. L’impianto oplontino sarà oggetto di lavori di restyling grazie ai 2,7 milioni che arriveranno grazie al Pnrr. Ma in attesa dell’inizio del cantiere, che avverrà tra diversi mesi, si è aperta una speranza per tutti coloro che hanno a cuore le sorti del Savoia.

L’INCONTRO. Nella giornata di ieri si è tenuto uin incontro tra Orfeo Mazzella, candidato al Senato con il Movimento 5 Stelle, e il dirigente dell’Ufficio Tecnico Valentino Ferrara. A presenziare anche Renato Lamberti e Gianfranco Sica, nelle vesti di tifosi interessati alle sorti dei bianchi. Da parte dell’attivista c’è stata la richiesta di arrivare a un punto d’incontro per aprire le porte del Giraud, seppur in maniera minima, per far disputare il campionato alla squadra del presidente Pellerone a Torre Annunziata fino al termine della stagione.

Il funzionario dell’Utc ha tranquillizzato i presenti annunciando che lo stadio può essere usufruito dal team di Barbera per i soli allenamenti a porte chiuse. Poi, dopo aver specificato che per i lavori bisognerà attendere la gara d’appalto per usufruire dei fondi del Pnrr, ha spiegato che ci sono problematiche dovute a carenze igienico sanitarie che non permettono  l'agibilità, come la revisione dell’impianto idrico del settore ospiti. Inoltre c’è la necessità di rinnovare l’omologazione del manto erboso sintetico con dovuta comunicazione alla Lega.

Successivamente, però, ha dato un’apertura al fine di non vanificare gli sforzi del presidente Mario Pellerone. L’ingegner Ferrara ha infatti concordato sulla possibilità di affidare lo stadio Giraud al Savoia per un anno, previa assunzione, da parte della società di assumersi tutti gli oneri economici per risolvere le carenze. In caso di risposta positiva sarebbe stata poi sua cura convocare la Commissione Pubblici Spettacoli.

LA RISPOSTA DEL SAVOIA. Dopo la comunicazione sull’esito dell’incontro. Il club di Mario Pellerone ha chiesto una compensazione sulla convenzione per l’utilizzo del Giraud fino alla data di inizio dei lavori di ristrutturazione. Ovviamente la società ha accettato di prendersi carico di tutte gli interventi per aprire anche in minima parte la tribuna. Nei prossimi giorni è previsto un nuovo summit.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"