Uccisero un uomo a pochi passi dalla chiesa mentre uscivano i fedeli a Torre Annunziata. Incastrati tre killer del clan Gionta. Nella mattinata di oggi, a Torre Annunziata, la Squadra Mobile di Napoli e il locale Commissariato polizia hanno eseguito un provvedimento di fermo di indiziato di delitto emesso dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia e dalla Procura presso il Tribunale per i Minorenni, nei confronti di due maggiorenni e un minorenne, tutti con precedenti e gravemente indiziati dell’omicidio di Francesco Immobile, avvenuto a Torre Annunziata lo scorso 12 settembre.

La vittima, legata da vincoli di parentela ad esponenti del gruppo criminale dei Gallo/Cavalieri operante nel rione popolare del “Penniniello”, è stata uccisa in un agguato di matrice camorristica.

I killer lo hanno raggiunto e ferito mortalmente esplodendo numerosi colpi d’arma da fuoco al suo indirizzo da almeno due pistole differenti, mentre si trovava all’esterno di una chiesa nel centro di Torre Annunziata.

Le indagini coordinate dall’Autorità Giudiziaria di Napoli, hanno consentito di ricostruire la dinamica dell’evento e di acquisire gravi indizi nei confronti dei destinatari del provvedimento restrittivo.

Particolarmente prezioso per gli investigatori è risultato il contributo di attività tecniche di intercettazione e di alcune testimonianze. A corroborare il quadro indiziario anche le immagini acquisite da numerosi sistemi di videosorveglianza dislocati lungo l’itinerario seguito dai killer per raggiungere il luogo dell’agguato e sul percorso utilizzato come via di fuga.

 


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

vai al video