L’Asl di via Fusco è sempre più in tilt. Proseguono i disagi per i cittadini che si devono affidare agli uffici territoriali della Napoli 3. A Torre Annunziata l’Unità Operativa di Medicina legata è stata spostata dalla sua vecchia sede in piazza Ernesto Cesaro, creando le prime polemiche. Ora le difficoltà a smaltire le pratiche sulle esenzioni.

A denunciare l’accaduto è Federcontribuenti di Boscotrecase. “Boscotrecase e Boscoreale chiudono i battenti al pubblico non riuscendo a garantire la sicurezza sia ai cittadini sia agli impiegati, le esenzioni rinnovate in automatico non vengono lette sulla piattaforma quando basterebbe attivare una pec dove ricevere e rilasciare la certificazione richiesta evitando code e malanimi. Assurdo che nell’era del digitale non si riesca con una pec a smaltire una pratica. Alla sede di Federcontribuenti di Boscotrecase stiamo inviando via pec le pratiche per la richiesta di esenzione con tutta la documentazione utile, però la pec consegnata non viene letta e dobbiamo sollecitare telefonicamente. Se il personale dell’ASL NA 3 non è competente in materia digitale che gli venga fatto un corso rapido di apprendimento nell’uso della pec, sarebbe sufficiente a svuotare gli uffici e garantire ai cittadini i propri diritti”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"