Discesa Equipaggi è di nuovo decente, pulita, percorribile. Insomma, una vera strada pubblica, senza siringhe, escrementi e rifiuti sparsi un po’ ovunque. Spunta addirittura un bar (la caffetteria Ghezzi, ndr), che offre aperitivo e mette musica di fronte a Capri e al mare aperto. Incredibile.

Dovrebbe essere la normalità e invece diventa notizia per le degradate rampe del porto di Torre Annunziata. L’intervento di riqualificazione urbana, appena ultimato, “è merito esclusivo della buona volontà dei cittadini e dei fondi raccolti con sponsorizzazioni private – sottolinea stasera l’avvocato Roberto Cuomo, tra i principali fautori del ‘restyling’ - . Qui per venti giorni hanno lavorato sodo persone normali, inginocchiatesi pulendo gradoni e rinfrescando pareti di una via, la cui cura sarebbe compito dell’Amministrazione. Torre ha potenzialità immense - termina Cuomo, guardando quelle pareti e quelle scale finalmente pulite - .  A volte basta solo un po’ di senso civico”.

A “inginocchiarsi sui gradoni per per venti giorni” i giovani del neonato “Movimento per il Lavoro” di Torre Annunziata, che lunedì prossimo terranno pure un ‘sit-in’ pacifico nei pressi del Tribunale per sensibilizzare le Istituzioni locali sul devastante dramma lavoro in città (una piccola rappresentanza, alle 10, incontrerà il Procuratore della Repubblica Alessandro Pennasilico).

“Torre Annunziata è la città dei piccoli imprenditori, il Comune vi sostiene”, le parole dell’assessore con delega al Commercio Carlo Iavarone, presente all’aperitivo di presentazione del secondo ‘restyling’ in tre anni di Discesa Equipaggi. “Ma l’intervento – sottolinea con forza l’avvocato Cuomo – è solo frutto degli sponsor, dei cittadini e del Movimento per il Lavoro”.

vai alle foto