La rinascita del Museo dell’identità. Questa mattina a Torre Annunziata c’è stata la visita gradita di Gabriel Zuchtriegel, direttore del Parco Archeologico di Pompei, e di  Felice Casucci, assessore al Turismo della Regione Campania.

Entrambi hanno potuto osservare e ammirare gli “Ori di Oplonti”, che sono conservati all’interno di Palazzo Criscuolo.

Un gruppo di rievocatori storici del gruppo “Niccolo D’Alagno” hanno illustrato le bellezze che costellano il Museo dell’Identità. Presente anche il sindaco di Torre Annunziata Vincenzo Ascione.

Entusiaste le parole di Zuchtriegel. “E’ un sito importantissimo che ci consente di studiare un contesto topografico più ampio come la cosiddetta Villa B di Oplontis e l’arredo scultoreo che io ricordo di aver studiato all’Università. Ora ho il bellissimo compito di occuparmi della ricerca e della conservazione di reperti unici. Perché danno la sensazione del gusto della cultura prima dell’eruzione del ’79”.

Il direttore ha anche parlato delle migliorie da apportare per la fruizione dei vari siti, che comprendono anche Boscoreale e Stabia. “Il Parco ha già investito sulla rete del territorio e andremo avanti in questa direzione. Il trasporto e l’informazione sono importanti ma ci deve essere un approccio culturale e scientifico sui contenuti di qualità. Su questo aspetto c’è da lavorare ancora molto”.

Nei giorni scorsi lo stesso sindaco Ascione si è lamentato per l’esclusione di Torre Annunziata dal servizio Campania Express dell’Eav. Su questo aspetto ha risposto l’assessore Casucci. “L’Eav ha compiuto delle analisi e ha pensato che non portassero in questa direzione. Il presidente De Gregorio comunque mi ha dato ampia disponibilità. L’AreVod e altre associazioni del territorio lavoreranno per fornirci dati sicuramente utili. Speriamo di farcela”.

vai al video