“L’amministrazione comunale e il sindaco di Torre del Greco Giovanni Palomba da due anni non hanno minimamente affrontato il problema legato al plesso Orsi di via Lava Troia, chiuso dal novembre del 2016 a causa del sequestro di due aule per presunti problemi statici all’epoca dell’amministrazione Borriello. In quel caso la problematica fu affrontata immediatamente, tanto da addivenire a buoni risultati propedeutici alla ripartenza delle lezioni già a partire da settembre 2017. Come tutti sanno, l’amministrazione Borriello fu poi sciolta nell’agosto 2017. Ebbene, dopo tre anni siamo venuti a conoscenza che la situazione non solo è rimasta immutata, ma che l’attuale primo cittadino sull’argomento non sa praticamente nulla, come è emerso nel corso di un incontro svoltosi nei giorni scorsi alla presenza tra gli altri anche dell’assessore e del dirigente alla Pubblica istruzione”.

A sostenerlo sono il segretario cittadino di Fratelli d’Italia-Torre del Greco Luca Alini, il coordinatore per il Miglio d’oro Salvatore Quirino, il vice coordinatore cittadino Luigi Scarfogliero e il responsabile comunicazione e web della sezione torrese Giovanni Matarazzo, che rincarano la dose: “In un periodo in cui il mondo della scuola vive molteplici disagi e ha esigenza di spazi sempre maggiori, è particolarmente deprimente constatare che l’amministrazione non abbia preso nella minima considerazione l’esigenza di una comunità come quella della zona di Santa Maria la Bruna, privata della scuola afferente l’istituto comprensivo Falcone-Scauda, con tutti i disagi del caso per i numerosi alunni costretti da troppo tempo a lunghi trasferimenti per raggiungere le nuove strutture di riferimento. Il grido d’allarme lanciato in questi giorni dalla comunità scolastica attraverso la preside Josè Abilitato, e le risposte a dir poco imbarazzanti date dal sindaco, testimoniano ancora una volta l’estrema disattenzione con la quale l’amministrazione comunale del sindaco Palomba affronta le tematiche cittadine, in particolare quando queste riguardano la parte periferica di Torre del Greco”.