Tornano a fare sentire la loro voce i marittimi precari che si dicono ''abbandonati dalle istituzioni e dal governo''. Una manifestazione dei lavoratori del mare si è infatti svolta sulla banchina di ponente del porto di Torre del Greco. L'iniziativa, promossa dall'associazione ''Marittimi per il futuro'', ha visto la partecipazione un centinaio di persone, tutte debitamente distanziate, che hanno tenuto un flash mob durante il quale hanno mostrato cartellini che sintetizzano le loro preoccupazioni.

Secondo il presidente dell'associazione, Vincenzo Accardo, ''i marittimi precari, che pure in tutta Italia sono circa 50mila, sono stati dimenticati nelle misure adottate dal governo per fronteggiare la crisi aperta dall'emergenza Covid-19. Nessuno ha speso una parola per questa categoria che spesso rappresenta lo specchio di tante città del Sud che affacciano sul mare. Adesso che siamo tornati in piazza, pur rispettando le misure di distanziamento, siamo intenzionati a non fermarci più''.