E' scattata dopo l'acquisto di un collier d'oro con pietre preziose (ma gli indagati riciclavano i proventi delle truffe anche con "cripto valute", cene e feste) l'indagine della Polizia Postale di Napoli, del Commissariato di Torre del Greco e della Sezione di Polizia Giudiziaria presso il Tribunale di Torre Annunziata che ha consentito di sgominare una banda di truffatori on-line (composta da sette persone) che, almeno 92 volte, hanno prosciugato i conti correnti di ignare vittime. Secondo quanto si apprende il numero dei "colpi" messi a segno è sicuramente maggiore visto che la Procura di Torre Annunziata ha trasferito gli atti relativi ad altri episodi, per i quali si è dichiarata incompetente, agli uffici inquirenti di Napoli e Roma.

Il primo indagato oltre al collier aveva acquistato anche alcune "gift card" per tremila euro. Poi, durante una perquisizione, la Polizia ha trovato un cellulare dal quale è stato possibile raccogliere i primi elementi indiziari. Secondo quanto emerso dalle successive indagini, inoltre, la banda di truffatori on-line riciclava il denaro frutto dei prelievi anche in carte carburante, "cripto valute", come i "Bitcoin" per loro natura non rintracciabili, e in feste e cene al ristorante nella Capitale.

Il denaro frutto della truffa veniva "parcheggiato" momentaneamente su altri conti correnti dai quali, in un breve lasso di tempo, venivano effettuati acquisti. Come spiega in una nota il procuratore di Torre Annunziata Nunzio Fragliasso, la frode è risultata particolarmente subdola in quanto le telefonate alle vittime "sembravano arrivare dal numero della propria banca, da qui l'appellativo di 'Alias', e, parlando con un operatore (uno dei truffatori, ndr), il correntista era convinto di trovarsi in un ambiente favorevole, nella sua cosiddetta 'comfort zone', dove il livello di allerta è più basso". 

I dettagli

L'operazione