Ci sarebbe un prestito non saldato all'origine del duplice omicidio avvenuto questa mattina a Buttapietra, alle porte di Verona, dove sono stati uccisi Martino Mazza, 48 anni, originario di Ercolano, e il figlio Pietro, 25 anni. I due abitavano a Marchesino, una frazione a poca distanza dal luogo del delitto che è avvenuto nell'abitazione dell'assassino, Alfonso Manzo, 54, originario di Torre del Greco.

Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri di Verona, ieri sera i tre si sono incontrati per chiarire una questione economica a casa di Manzo. Quest'ultimo avrebbe vantato crediti per seimila euro, ma la vicenda è ancora da chiarire. I toni della discussione si sono alzati e c'è stata una lite piuttosto violenta. Alle 8 di stamani padre e figlio sono tornati per avere un chiarimento, c'è stata una colluttazione e Manzo è rimasto ferito alla guancia con un'arma da taglio. A quel punto ha estratto la pistola ed ha sparato dieci colpi di pistola contro i due sul vialetto esterno all'abitazione. L'omicida è rimasto davanti a casa e i carabinieri, allertati dai vicini, lo hanno arrestato.

Ora è al Comando provinciale dell'Arma, dove sarà sottoposto anche alla prova dello 'stub' per accertare l'utilizzo della pistola. Le indagini sono coordinate dal pubblico ministero Marco Zenatelli.