Sequestro da cinque milioni di euro nei confronti di due fratelli di Torre Annunziata, residenti in provincia di Varese. La Divisione Investigativa Antimafia e i carabinieri, in esecuzione di decreti del Tribunale di Varese su proposta del direttore della Dia, ha confiscato ai due vari beni mobili e immobili.

Stando alle indagini, i due si erano inseriti nella gestione illecita di discariche e nel traffico illecito di rifiuti e, secondo la Dia di Milano, il patrimonio accumulato era il frutto di queste attività illegali.

Le indagini sono nate da una segnalazione dei carabinieri del comando provinciale di Varese al centro operativo della Dia di Milano, nei confronti dei due fratelli, un 67enne di Torre Annunziata, attualmente latitante, e un 60enne della provincia di Salerno, entrambi residenti a Fagnano Olona.

Secondo i militari avevano un tenore di vita sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati. La Dia, attraverso indagini patrimoniali, ha concluso che il patrimonio accumulato era il frutto delle attività illecite.

Il Tribunale di Varese, dopo i provvedimenti di sequestro emessi nel febbraio 2018 e a fronte di ulteriori accertamenti, ha disposto la confisca che è scattata stamani.